Piastre ad induzione: attrezzati per questa estate!

Se si sta pensando a cambiare la propria cucina si starà riflettendo se rendere la vostra cucina elettrica abbandonando così l’utilizzo del gas, utilizzando delle piastre ad induzione.
L’utilizzo di piastre ad induzioni apporterà numerosi vantaggi sia in termini di efficienza sia pratici, come il calore delle fiamme che risulta essere fastidioso sopratutto durante i periodi caldi dell’estate.

– Come funzionano le piastre ad induzione?

Le piastre ad induzione, diversamente dai tradizionali fornelli a gas, per il loro funzionamento necessitano della corrente elettrica. La corrente elettrica viene erogata verso una bobina che genera un campo magnetico. Attraverso questo principio si vengono a generare generare delle correnti su una piastra in vetroceramica che vengono dissipate come forma di calore. Grazie al calore prodotto da questo meccanismo si ha quindi la possibilità di poterlo sfruttare per poter cucinare i vari cibi.

– Differenza tra piani radianti, piani alogeni e piani ad induzione.

In commercio esistono diverse tipologie di piani cottura.

I piani radianti presentano una zona in vetroceramica che rappresenta la resistenza alla corrente elettrica. La corrente viene dissipata su tale resistenza, la piastra in vetroceramica, sotto forma di calore che scalda la pentola attraverso il fenomeno fisico dell’induzione.

I piani alogeni presentano un funzionamento analogo, con la differenza che al posto della resistenza sono installate delle lampade ad infrarossi molto potenti attraverso le quali si riesce a scaldare le pentole.

Queste due tipologie di piani, secondo i dati raccolti, presentano un consuma di energia elettrica particolarmente elevato

I piani ad induzione, diversamente, risultano avere un elevato rendimento che secondo i dati si aggira attorno al novanta percento circa. Questo dato è quello che orienta all’acquisto di una piastra ad induzione sopratutto se paragonato al rendimento del gas che si aggira attorno al quaranta percento, causato dal suo alto tasso di dispersione termica.

La differenza delle piastra ad induzione con quelle radianti o alogene consiste nella presenza delle bobine installate sotto la zona in vetroceramica. Questa piccola differenza in termini di costruzione consente un’elevata efficienza dal punto di vista pratico poiché il campo magnetico prodotto dalle bobine viene trasferito immediatamente e totalmente sulla pentola, fino a scaldarla.

Vantaggi

L’installazione di piastre ad induzione apporta numerosi vantaggi.

• Possedere una piastra ad induzione significa avere un piano di cottura totalmente liscio, il che consente una pulizia rapida di tutto il piano.

• La cottura risulta più veloce ed accurata grazie alla possibilità di settare il livello di temperatura che ci serve in base ai cibi che stiamo cucinando. Si ha la possibilità di ridurre notevolmente i tempi di attesa per l’ebolizione dell’acqua grazie al sistema booster.

• La totale mancanza di fiamme riduce i pericoli di scottature e di dispersioni di gas.
Le superfici in vetroceramica attorno alla pentola infatti resta molto più fredda per evitare di scottarsi.

• Il calore prodotto si disperde in maniera omogenea sulle pentole evitando le classiche dispersioni di calore. L’assenza delle fiamme e delle relative dispersioni di calore rappresentano un vantaggio notevole soprattutto quando si cucina nei periodi caldi dell’estate